Comunicati stampa

Si chiama Agata l’omaggio del Magmax per la Festa della donna

L’8 marzo si apre la mostra ispirata al nome femminile e al minerale dai colori cangianti

Agata come il nome di donna, ma anche come il minerale capace di stregare per i suoi colori: naturale, dunque, che il Magmax dedichi a questa varietà di quarzo microcristallino l’omaggio pensato per la Giornata dell’8 marzo.

In quel giorno si aprirà infatti, nello scrigno della Torre Quartero, la mostra estemporanea “Donne al Magmax: Agata”: saranno esposti una trentina di campioni estratti in varie parti del mondo. Molto raro quello, proveniente dal Brasile, che lega insieme agata e ametista; né mancheranno alcuni pezzi portati alla luce e lavorati a Idar-Oberstein, luogo che tradizionalmente lega il proprio nome, fin dal XV secolo, alla pietra da sempre amata dalle signore, che la esibiscono per lo più in forma di ciondolo.

“Il bello è che non esistono due tagli, o fette, uguali di questo minerale, evocativo, cangiante, mutevole: proprio come il carattere delle donne” anticipa Massimo Umberto Tomalino, che terrà le visite guidate.

Così bella l’agata, nei rossi, gialli, bruni, verdi, viola che la contraddistinguono, che il pittore tedesco Albrecht Dürer se ne innamorò: la storia, ammaliante e struggente, costituirà uno dei momenti della narrazione di Tomalino, presidente dell’Associazione Magmax, durante la visita.

La mostra resterà aperta fino al 25 aprile, rivolta in particolare al pubblico femminile in coincidenza con la Festa della donna: saranno ammesse fino a dieci partecipanti per ogni gruppo.

Ci si può già iscrivere (328.1698691; astimagmax@gmail.com): come sempre, nello spazio di corso Alfieri 360, l’accesso è libero ma su prenotazione.

Asti, 2 marzo 2024

Articoli recenti

Contatti

Indirizzo: Torre Quartero, Via Roero 2
Ingresso museo da Corso Alfieri 360
ASTI (AT)

Tel: +39 328 1698 691

Email: astimagmax@gmail.com

Plura eius genera

Torna alla lista degli articoli

Visita gratuita su appuntamento e guidata in Italiano, Inglese, Spagnolo, Francese.

Importante
L’ingresso è libero, ma è importante prenotare.